lunedì 22 dicembre 2014

U15 Ecc :: 11a giornata

Libertas Cernusco - CAP Genova 51 - 60 (8-15; 27-28; 39-47)

Cernusco: Epasto 2, Buffo 2, Calvi 4, Milani, Nava 19, Zambon 6, Covini 7, Gadda 6, Simoni, Franco 5, Tremolada, Stilinovic. All Cornaghi-Seveso-Zenoni

Genova: Allegri NE, Ferro 5, Cascone NE, Pedemonte 7, Gottimingi 2, Zini 9, Tonetti, Petani, Banchero 9, Renzone, Bianco 14, Tulumello 14. All Rocco-Piastra


Giorgio Calvi
Altro referto giallo per i Bufali che perdono per 51 a 60 con il Cap Genova.
Inizio a fari spenti per i biancorossi che sprecano diverse occasioni di tiro (anche da sotto) ed i liguri, pur non brillando, fanno subito l'andatura (+9) con i guizzi in area di Barchero e Bianco, rispettivamente 9 e 14 punti ciascuno.
Dopo il time-out i locali iniziano a trovare la via del canestro e si riportano vicini nel punteggio grazie ad un piazzato di Covini ed alle folate di capitan Nava (19p top scorer del match).
Cernusco torna ad un possesso di distanza ma il CAP è piu' preciso e ri-allunga grazie a due giocate in entrata (8-15 al 10').
Nel secondo quarto i ragazzi di coach Cornaghi alzano il ritmo di gioco (19-13 il parziale) e vanno a segno con valide giocate in contropiede, anche a metà campo la palla circola meglio e tutto il quintetto Libertas gira per il verso giusto: break di 6-0 griffato dal positivo Calvi e parità al 15'.
I biancoblu' non si scompongono e dopo la sospensione riprendono inerzia con la tripla di Zini ma Cernusco replica con il rientrante Franco e con Gadda che sigla il primo vantaggio interno.
Prima dell'intervallo lungo si gioca punto su punto in grande equlibrio e si va negli spogliatoi sul +1 Genova.
Dopo il cambio di campo il Cap appare piu' determinato e nel terzo quarto Tulumello (14p) fa la voce grossa sotto le plance ; i Bufali faticano a segnare ma riescono a restare in scia (37-41 al 28') con due spunti di Zambon (6p).
Genova stringe le maglie in fase difensiva e prima della terza sirena torna sul +8 ancora con giocate efficaci nel pitturato.
Ultima frazione (12-13) dove il copione è lo stesso: Cernusco in piu' occasioni torna sul  -4 ma la NoviPiu' ricaccia indietro ogni tentativo di rimonta biancorossa.
Si segna poco su entrambi i fronti ed i liguri anche senza segnare con continuità riescono a mantenere sempre il pallino del gioco e chiudere, in crescendo, sul 51 a 60.
Passi in avanti dal punto di vista difensivo (ma serve piu' cattiveria agonistica...), mentre in fase offensiva serve giocare con maggior velocità e piu' circolazione di palla, sperando che nel 2015 anche le polveri siano meno bagnate...
Sabato 10 gennaio penultima giornata d'andata in quel di Cremona.
Forza Bufali